1.b) Buchi neri e contrazione dell’universo

Si raccomanda di leggere il libro Meccanica Globale per intendere le nuove proposte sull’Astrofisica e sulla teoria dei buchi neri; in particolar modo, il punto riguardante le particelle subatomiche ed i meccanismi di creazione della massa.

Il fenomeno di creazione e formazione di massa fisica è stato denominato dalla Meccanica Globale interazione nera, in quanto implica un fenomeno diverso, anche se collegato, dell’interazione gravitazionale ed elettromagnetica.

Il fenomeno opposto all’interazione nera sarebbe l’interazione bianca o trasformazione della massa in energia elettromagnetica e distensione della tensione o energia longitudinale dell’Etere Globale; ad esempio, nella disgregazione di parte delle stelle nelle reazioni di fusione nucleare. Insomma, è l’interazione della massa nelle sue due vertenti di creazione e distruzione o trasformazione.

Questa parte della Fisica Globale sull’Astrofisica mira a far presenti alcune idee molto generali senza entrare troppo nei dettagli.

Abbiamo deciso di cambiare un po’ per volta il nome di buchi neri con quello di palle nere perché secondo la Fisica Globale questi oggetti astronomici non c'entrano niente con un buco ed assomigliano molto di più a una palla gigante. La nuova denominazione sarà utilizzata soprattutto per il caso delle palle nere supermassicci.

La questione non è cambiare tanto per cambiare, ma rendere più facile al cervello il pensiero intuitivo e logico in temi molto complicati, per la scarsità di informazione sperimentale e dall'abbondanza di teorie fisiche di natura puramente matematica.  Inoltre, la terminologia ci ricorda che l'argomento si trova all'interno della Fisica Globale.

Occorre prestare particolare attenzione alle teorie fisiche di natura matematica, perché non sanno dove si trovano i limiti fisici delle loro funzioni matematiche. Un esempio attuale può essere che i modelli matematici della Fisica Moderna spiegano solo il 4% della massa e l’energia dell'universo; non perché sia ​​così, ma perché sicuramente si applicano al di fuori del loro contesto o dei loro rapporti fisici.

Divideremo la mostra in due grandi sezioni; il primo sul concetto, la formazione, i tipi e gli effetti principali dei buchi neri in generale.

La seconda sezione contiene proposte di Astrofisica Globale in relazione al concetto, origine, caratteristiche e agli effetti delle palline nere supermassicci.

Tali proposte possono alterare le idee sull'origine dell'universo, galassie e stelle.

 

 

 

1.b.1. Cos’è un buco nero o palla nera?

  • Concetto.

    Certo, il concetto di buco nero nello spazio-tempo (stringhe, schiuma quantistica, etere o qualsiasi altro nome) è un buco in sé stessa, con spazio per le teorie di tutti i tipi.

    L’esotico fenomeno del wormhole per unire due parti dell’universo, noto anche come ponte di Einstein-Rosen nello spazio-tempo, o un gran tunnel gravitazionale attraverso il quale possano passare la massa e l’energia assorbite da un buco nero non sembra ragionevole alla luce degli effetti gravitazionali del buco nero e delle caratteristiche della rete tridimensionale dell’Etere Globale.

    L’esistenza di wormholes che collegano due universi diversi o paralleli è meglio non analizzarla dal punto di vista scientifico.

    Un altro modo simpatico di definire i buchi neri o palle nere è dire che sono atomi o particelle in stato di plasma, ma dopo la realizzazione che, come Wikipedia, lo spazio interstellare è formato da plasma, che anche le stelle al loro interno sono formate da plasma e che abbiamo addobbi di plasma con dei begli effetti di illuminazione, siamo arrivati ​​alla conclusione che sia meglio non menzionare troppo il plasmodium, per non confondere la gente più del necessario. Almeno in un libro come questo che non mira ad avere una precisione tecnica minuziosa.

    L'intenzione non è quella di criticare Wikipedia, pare che il plasma si riferisca a uno stato della materia diverso da quello solido, liquido o gassoso, la cui caratteristica è l’essere formato da ioni o particelle con carica in movimento libero.

    La composizione dei buchi neri e persino delle stelle è un po’più complicata del plasma; si potrebbe dire qualsiasi cosa tranne la libertà di movimento, che già non è facile da descrivere nelle sue diverse manifestazioni.

    La Fisica Globale, un'interpretazione della MQ e della RG, parla di stati di aggregazione più elementari della struttura reticolare della materia o Etere Globale, come simmetria totale, simmetria radiale o gravità, simmetria trasversale o elettromagnetismo e massa o materia compressa.

    L’idea più semplice di buco nero è quella di un oggetto astronomico formato da materia reticolare compressa o massa che genera così tanta gravità da non lasciar sfuggire l’energia elettromagnetica e che dunque è nera dall'esterno. Vale a dire che non solo è in grado di catturare l’energia elettromagnetica che attraversa la sua area di influenza, ma non lascia sfuggire l’energia elettromagnetica che indubbiamente viene prodotta al suo interno.

    I buchi neri sono simili ad un’enorme palla di piccole palline e palline in formazione, assorbono la massa e la radiazione elettromagnetica che giunge loro mediante la creazione di spirali e ancora spirali al loro interno da parte delle forze di torsione che agiscono su di loro; infatti, la formazione di tali spirali neutralizza la tensione dell’elasticità trasversale, trasformandola in tensione della curvatura longitudinale ed energia di deformazione reversibile per la compattazione dell’Etere Globale.

     

  • Formazione dei buchi neri.

    Va tenuto conto che alla fine del secolo scorso si riteneva possibile l’esistenza di un buco nero in ogni galassia. Adesso si parla di milioni nelle grandi galassie.

    Il processo comprende varie fasi e non tutte loro sono necessarie.

    Nell’Astrofisica Moderna esistono diverse teorie dell’origine della Terra e dei pianeti. Probabilmente nello spazio esterno esisteranno sistemi planetari con processi di formazione differente.

    Buco nero (CC0 Immagine di dominio pubblico)
    Disco di accrescimento attorno a un buco nero

     

    Stando a Wikipedia, la teoria più accettata e che spiegherebbe la maggior parte dei sistemi planetari è quella della polvere cosmica, prima e dopo la nascita delle stelle e del posteriore disco di accrescimento.

    Tuttavia, per la Fisica Globale l'origine delle enormi quantità di polvere cosmica necessaria per generare così tante stelle e in molti casi con una distribuzione specifica, come nelle galassie a spirale, non è adeguatamente spiegata.

    Di fatti, è possibile che nella grande esplosione iniziale dell’universo locale, nota come Little Bang, si siano formate in un breve lasso di tempo masse molto grandi capaci di provocare le reazioni di fusione nucleare che danno luogo alla nascita di stelle, stelle di neutroni o in grado di costituire direttamente un buco nero.

  • Caratteristiche dei buchi neri.

    Nella nostra natura tutto è possibile, meno alcune eccezioni come forze a distanza, telepatia pura, altre dimensioni spaziali, realtà multiple in funzione degli osservatori o viaggi nel tempo.

    L’unica cosa che provocano queste figure anti-intuitive è un intralcio allo sviluppo scientifico quando non vengono intese come puri trucchi provvisori della scienza, finché la realtà fisica sottostante non viene scoperta l'una dall'altra. Si può dire che queste impossibilità epistemologiche costituiscono una grande teoria anti-tutti o un obiettivo oscuro.

    • Composizione e struttura interna.

      I buchi neri saranno un insieme di particelle subatomiche perché l'alta energia gravitazionale romperà i nuclei degli atomi.

    • Massa e dimensioni.

      In base al concetto stesso la massa minima sarà quella che consegue un'attrazione gravitazionale globale sufficiente da non lasciar sfuggire l'energia elettromagnetica.

      Non si sa quale possa essere la dimensione massima, ma sarebbe logico che esista, per quanto grande possa essere.

    • Rotazione.

      I buchi neri hanno un movimento di rotazione. Questa caratteristica potrebbe essere una conseguenza, oltre alla rotazione delle stelle che le originano e il modo in cui avvengono i corrispondenti assorbimenti e fusioni, della natura trasversale dell'energia elettromagnetica.

      • Facile esperimento di fisica.

        Sostenere un elastico dalle estremità e girarlo in senso opposto finché forma una pallina nel centro.

        Continuare a girarlo dalle estremità e osservare cosa succede!

    • Buchi neri e anti buchi neri.

      E per andare un po’ all’aldilà, proprio come nel caso delle particelle subatomiche fondamentali, potrebbero esistere due tipi di buchi neri: destrogiri e levogiri. Anche se esisterà sempre l’attrazione gravitazionale; dal punto di vista del campo magnetico supportato, due buchi neri uguali dovrebbero respingersi e due diversi attrarsi; ovviamente, sembra una favola senza fine. Ci mancherebbe pure che la sessualità fosse un’attrazione destrogira-levogira, come la dinamica politica.

      Occorre segnalare che un anti buco nero non sarebbe una stella o fonte bianca, per quanto riguarda il rapporto terminologico fra materia e antimateria. Il fenomeno inverso di creazione di massa –buco nero– è la distruzione di massa –sorgente bianca o stella– ed è diverso dalla creazione di massa di natura destrogira o levogira.

      Detto altrimenti, la natura destrogira o levogira della massa o dell’energia elettromagnetica sarà legata ai concetti di materia e antimateria. Se una palla nera è destrogira, la sua anti palla nera sarà una palla nera levogira.

  • Effetti dei buchi nere.

    • Attrazione gravitazionale sulla massa e sull’energia.

      Questo effetto si deduce letteralmente dalla sua definizione o concetto.

    • Emissione di massa e energia elettromagnetica.

      È stato osservato che alcuni buchi neri emettono grandi quantità di materia in periodi di tempo corti.

      Nella sezione 1.b.2 "Palle nere supermassicci" questo effetto sarà analizzato in maggiore profondità.

    • Contrazione dell’universo.

      Il cosiddetto fenomeno della contrazione dell’universo avverrà nell’area d’influenza di ogni buco nero fin dalla prima fase di creazione della polvere cosmica, come avviene su piccola scala con la formazione delle particelle con massa e della creazione di vortici o spirali con assorbimento di radiazione elettromagnetica e compressione e compattazione dell’Etere Globale.

      La contrazione dell’universo sarebbe un fenomeno simile allo spostamento di una ragnatela tridimensionale quando si tira verso il centro e si forma una pallottola centrale con molte altre pallottole con il materiale dei suoi fili.

      Questi fenomeni sono noti ad altre teorie fisiche come contrazione dello spazio; poiché intendono lo spazio, a mio avviso erroneamente, come i punti corrispondenti a l’Etere Globale nella Meccanica Globale. Quindi, se l’Etere Globale si comprime, ci sarà contrazione dell’universo, secondo tali teorie.

      Il fenomeno contrario o espansione dell’universolo produrrebbero le stelle o sorgenti bianche con l’emissione di energia elettromagnetica, conseguenza dell’interazione bianca o decompressione della materia reticolare che forma la loro massa. Potremmo cioè dire che la cosiddetta energia oscura nell’universo visibile è in realtà energia bianca.

    • Scontro di buco nero.

      Questo tipo di fusioni sembra essere un fenomeno normale ora che potrebbero esserci milioni in grandi galassie.

      Le fusioni di stelle di neutroni e buchi neri sono state osservate sperimentalmente con rivelatori di onde gravitazionali come LIGO.