1.b) Grandezze fisiche

Questo concetto è essenziale per comprendere i modelli sulla realtà. Secondo Wikipedia una grandezza fisica non è altro che una proprietà o una caratteristica dei corpi; logicamente la parola corpo dovrà essere estesa a qualsiasi manifestazione della realtà fisica.

Ora, alcune quantità fisiche rappresentano un'astrazione in sé; uno spazio teorico può essere pensato senza la necessità che alcun corpo lo occupi. Allo stesso modo, anche la nozione di tempo che passa non ha bisogno di una realtà concreta.

Di conseguenza, la separazione tra il concetto di grandezza fisica e la sua applicazione alla realtà non è così chiara, specialmente con l'attuale definizione delle unità di spazio e tempo nel contesto della fisica moderna.

Questa sezione e quella sulle costanti fondamentali influiscono sul significato dei tipi di unità e grandezze fisiche e sulla relazione speciale tra le costanti principali e le loro unità, poiché le costanti implicano una relazione di equivalenza tra le unità delle grandezze coinvolte.

Entrambi i punti aiutano a comprendere i diversi tipi di esperimenti. Il primo dal punto di vista teorico e il secondo dalla complessità delle unità e delle grandezze di un caso pratico.

L'interpretazione della definizione delle unità delle quantità è essenziale, perché senza la delucidazione intuitiva dei concetti siamo persi, ciechi e andare avanti sarà molto più lento.

Le costanti incluse nelle formule o nelle definizioni di determinate quantità implicano una relazione di trasformazione unitaria tra l'unità definita e il resto dell'equazione. Tuttavia, le costanti di solito non hanno un valore unitario perché rispondono a un criterio storico o per adattarsi a una scala quantitativa più pratica di quella che si otterrebbe con la trasformazione delle unità unitarie.

Se una costante fisica non è completamente costante, la sua definizione non ha preso in considerazione tutte le variabili indipendenti che la influenzano.

Un semplice esempio, la gravità di Newton ha come unità fisiche (m / s²), ma può anche essere espressa con le unità fisiche di (N / kg). Il primo si riferisce all'effetto o all'accelerazione che si verificherà, il secondo alla causa o forza per unità di massa che produrrà l'accelerazione gravitazionale indicata.

Un terzo sarebbe (N m / kg m), l'energia per unità di massa e spazio, qualcosa come l'energia per unità fisica del continuum massa-spazio. È piuttosto divertente, quello del continuum massa-spazio suona come la caratteristica indistruttibile della struttura reticolare della materia o Etere Globale.

Detto questo, va notato che sebbene sembrino modi totalmente diversi di leggere una formula, non sono così disparati, possono riferirsi alla causa, all'effetto, a una proprietà di un sistema materiale o di una realtà immaginaria, ma sono tutti veri.

Ad esempio, dicendo due uomini per cavallo, o due metri al secondo, abbiamo tutti un'idea intuitiva del suo significato. È semplice, se moltiplichiamo nel primo caso per tre cavalli, avremo sei uomini.

2 (uomini / cavallo) * 3 cavalli = 6 uomini

Tuttavia, se moltiplichiamo il risultato precedente per tre cavalli, avremo 18 cavalieri, cioè 18 minotauri. Questa unità non è più così intuitiva, è un nuovo elemento che ha le proprietà dell'uomo e del cavallo. Se dovessimo rappresentare questo nuovo concetto, lo faremmo con un piccolo disegno.

6 uomini * 3 cavalli = 18 minotauri

Questi esempi illustrano ciò che Wikipedia chiama quantità fondamentali e derivate.

Si potrebbe dire che dividendo l'unità di una grandezza per una diversa unità, la stiamo quantificando come funzione unitaria di un altro elemento o contenitore virtuale; cioè, stabilire un'equivalenza di trasformazione tra unità fisiche. Al contrario, se moltiplichiamo quel qualcosa per un'unità diversa, gli aggiungiamo una proprietà o la configuriamo qualitativamente.

Tuttavia, il significato dipenderà dalle dimensioni dell'unità della grandezza iniziale e dai concetti con cui opera; il contrario potrebbe essere il caso.

Ad esempio, possiamo sottolineare che un Newton per ogni chilogrammo (N / kg) implica che sia la proprietà di un Newton che la realtà di un chilogrammo continuano ad esistere. Al contrario, un Newton * metro sarà un qualcosa di nuovo che avrà le proprietà della forza e la prima dimensione spaziale, cioè l'energia della magnitudine fisica e chiameremo l'unità Julio.

L'esempio opposto sarebbe se dividessimo l'energia per lo spazio, in questo caso ci darebbe la forza. Nota che stiamo usando concetti astratti con un significato più complesso di quello che potrebbe apparire a prima vista.

In relazione alle unità e alle dimensioni nella Fisica Moderna, si possono evidenziare due tipi principali di problemi:

  • Grandezze fisiche con unità variabili.

    La definizione di unità non costanti rispetto alla grandezza che rappresentano perde il suo significato fisico, nasconde la realtà fisica e complica il ragionamento logico.

    Le unità variabili implicano che è l'astrazione della grandezza fisica stessa che cambia. Sarebbe auspicabile mantenere i concetti nella definizione delle unità per consentire un ragionamento coerente.

    Le definizioni relative delle unità fondamentali del Sistema internazionale di unità o misure influenzano la maggior parte delle unità derivate.

    Unità variabili relative

    È necessario fare uno sforzo per tradurre le informazioni fornite dalla Fisica Moderna in tipi variabili di unità in unità fisiche non relative per cercare di comprendere la realtà fisica. Ad esempio, per sapere se ci sono cambiamenti nella grandezza della velocità o nello spazio euclideo quando si parla di variazioni nel tempo dalla Teoria della Relatività.

  • Dimensioni fisiche al di fuori della realtà fisica.

    Questo strano fenomeno si verifica regolarmente con le grandezze fisiche della geometria dello spazio. Sia la Relatività che la Meccanica Quantistica introducono ulteriori tipi di dimensioni alla geometria dello spazio euclideo; anche se devono piegare un po 'il loro significato o vanno in un altro mondo, come il ramo della Meccanica Quantistica dei Mondi Molti o Multipli.

    Pertanto, l'interpretazione di molti esperimenti è molto complicata, soprattutto quando si tratta di misurazioni e aspetti non completamente compresi.

    A volte può essere utile fare una lettura libera di testi scientifici; Cioè, quando si parla di formule con proprietà o grandezze che scompaiono e appaiono dal nulla, dal vuoto o da altre dimensioni, pensare che si riferiscano a una trasformazione di unità o proprietà della struttura reticolare della materia o Etere Globale che sostiene il gravità e che, a sua volta, è un supporto medio per l'energia elettromagnetica.

 

* * *