4.b) Neutrini come onde longitudinali.

In vista del modello fisico fornito dalla Fisica Globale, possiamo fare speculativo su una delle particelle più sconosciute della Fisica Moderna a causa della sua bassa interazione con normali particelle di materia.

Come sempre, queste proposte sono rinormalizzabile e trattare con le seguenti caratteristiche.

  • Massa del neutrino.

    Un aspetto che volevo comprovare era la coerenza della proposta della Meccanica Globale rispetto alla massa dell’elettrone come limite fisico di creazione della massa. In altre parole, non dovrebbero esserci particelle elementari con massa minore dell’elettrone.

    Quasi tutte le particelle elementari con massa del Modello Standard hanno più massa dell’elettrone, ma ci sono un paio di eccezioni, due dei tre neutrini hanno massa inferiore all’elettrone e, più esattamente, la massa del neutrino elettronico è dell’ordine di un milione di volte più piccola.

    Una possibile soluzione è che ciò che la Meccanica Quantica considera massa dei neutrini elettronici o muonici non sia massa nel senso della Meccanica Globale o sia un tipo di massa speciale.

    In effetti, la massa di elettroni non è una conseguenza dell'energia di ritenzione delle cellule de l’Etere Globale –la libertà asintotica nella QCD– come nei protoni o nei neutroni; ma della barriera di stabilità o del minimo di energia necessaria in modo che gli elettroni liberi non decadano nei fotoni.

    La massa del neutrino elettronico è così piccola che potrebbe essere zero, ma dalle oscillazioni si dice che abbia massa. Dovremo aspettare i risultati dei molteplici esperimenti che vengono eseguiti e programmati per il prossimo futuro.

  • I neutrini potrebbero essere onde longitudinali.

    La natura dei neutrini potrebbe essere di onde longitudinali –invece di quelle trasversali come il fotone– nell'Etere Globale prodotto dalle pieghe o dalle interruzioni dei loro filamenti nella formazione e compattazione di elettroni e altre particelle con massa; o nell'inversione di dette raffiche nel decadimento delle particelle nei fotoni.

    • Semplice esperimento di fisica.

      Carico e ricarica della carabina Origine delle onde longitudinali
      Scatto con carabina ad aria compressa con una mano

      Quando carichiamo una carabina di aria compressa con un piombo e la chiudiamo, una vibrazione ha luogo in tutta la carabina del meccanismo –la barra della stabilità– che mantiene la carabina pronta a sparare.

      Allo stesso modo, una simile vibrazione si ripresenta quando la carabina viene aperta per ricaricarla.

    Questa natura di onda longitudinale spiegherebbe perché la massa –o energia– del neutrino elettronico è così piccola rispetto a quella dell'elettrone. In ogni caso, le cifre sulla massa dei neutrini non sono definitive.

  • Scarsa interazione con la materia normale.

    La configurazione dei neutrini come onde longitudinali è coerente con la piccola interazione che hanno con la materia normale. Se i neutrini fossero relazionati da onde longitudinali avrebbe senso che non interagiscano normalmente con le spirali dell’Etere Globale provocate dalle onde trasversali di energia elettromagnetica.

    Ha anche senso che i neutrini interagiscano attraverso l'interazione debole perché implica la creazione o la distruzione di pieghe nei filamenti dell'Etere Globale.

    Lo spin dei neutrini potrebbe essere dovuto al fatto che la creazione di pieghe nei filamenti dell'Etere Globale –né l'onda interna longitudinale che viene creata– non si verifica nello stesso piano dello spazio tridimensionale, ma implica una torsione che rilassa la tensione trasversale di detti filamenti; come è stato spiegato parlando di elettroni nella struttura dell'atomo o nel meccanismo di creazione di protoni e neutroni.

  • Neutrini e l’interazione gravitazionale.

    A causa della velocità dei neutrini –proprio come la velocità della luce– la forza di gravità influirà anche su di loro il doppio della massa, come fa per l'energia elettromagnetica e cinetica secondo la Legge della Gravità Globale.

  • Neutrini e l’espansione dell’universo.

    Una conseguenza dell'origine e della natura proposta dei neutrini è che sono sicuramente correlati all'espansione dell'universo attraverso i processi di fusione nucleare delle stelle.

 

 

 

* * *

 
 

 

 

Quando Einsaltro finisce il libro,
chiama tutto contento Mª José per dirglielo.
Lei gli dice:

–Molto bene, ciò che più mi piace è
l'esperimento del lenzuolo,
ma non dimenticarti che a volte
bisogna imporre limiti,
Sebbene non se ne abbiano!–